“Città sempre più Smart, vettori innovativi, collegamenti nazionali e internazionali sempre più complessi, problemi di sicurezza e impatto ambientale: sono solo alcune delle criticità a cui gli esperti di mobilità sono chiamati a rispondere. Un settore che richiede oggi di essere governato da figure professionali che sappiano unire competenze tecnico–ingegneristiche–gestionali a un approccio attento alle nuove opportunità tecnologiche”. Lo scorso 1° Febbraio il Rettore del Politecnico di Milano Ferruccio Resta ha presentato con queste parole la nuova Laurea Magistrale in Mobility Engineering, il corso di studi voluto dall’Ateneo per la formazione dell’ingegnere della mobilità.

Questa nuova figura svilupperà una conoscenza approfondita dei sistemi della mobilità e delle tecnologie ad essa collegate con un forte approccio scientifico e ingegneristico; affronterà il tema della mobilità a più livelli, partendo dalle infrastrutture terrestri (strada e rotaia) e dai sistemi regolatori e di sicurezza, per passare all’erogazione dei servizi di mobilità e agli scenari futuri di innovazione.

Obiettivo del corso è dare al laureato in ingegneria della mobilità gli strumenti necessari per affrontare la complessità dei sistemi di mobilità e la loro dipendenza dall'interazione tra diversi aspetti critici, quali ad esempio la sicurezza, la pianificazione e gestione dei sistemi, gli impatti sull’ambiente. Con questo background la nuova figura si candida a coprire posti qualificati in diversi tipi di organizzazioni, come operatori di trasporto, anche multinazionali, amministrazioni pubbliche e regolatori a livello nazionale ed europeo, imprese produttrici di materiale rotabile e tecnologie a supporto.

Al fine di svolgere le funzioni sopra descritte e governare appieno le tematiche di sicurezza che nascono da interazioni complesse tipiche del sistema della mobilità, il programma del corso in Mobility Engineering è stato concepito come un programma multidisciplinare, che copre le seguenti aree di competenza:

  • Evoluzione della tecnologia del veicolo
  • Asset management e manutenzione
  • Sistemi integrati di mobilità
  • Infomobilità e tecnologie IT a supporto della mobilità integrata
  • Nuovi modelli di business e analisi finanziaria
  • Mobilità e scenari di sviluppo urbano
  • Etica

I risultati dell’apprendimento attesi sono molteplici:

  • Comprendere contesti, funzioni, componenti dei sistemi della mobilità in termini di caratteristiche chiave e trend di sviluppo, con particolare attenzione agli aspetti legati alla sicurezza;
  • Comprendere le relazioni tra le diverse componenti dei sistemi della mobilità (e.g. operatori, veicoli …) e impatto sulle performance del sistema nel suo complesso e delle singole componenti;
  • Identificare le tecnologie e le metodologie che sono rilevanti in relazione a specifici segmenti della mobilità (e.g. mobilità elettrica, carburanti alternative) e specifiche componenti del sistema;
  • Progettare soluzioni innovative applicando un approccio scientifico e ingegneristico (sulla base di un background multidisciplinare) al fine di affrontare i problemi e le opportunità in relazione alla gestione in sicurezza dei sistemi della mobilità;
  • Interagire in un modo professionale, responsabile, efficace e costruttivo con i colleghi in un contesto multidisciplinare nell’ambiente di lavoro.

Unico nel suo genere, il corso di Mobility Engineering è supportato da partner (enti e industrie leader del settore) che hanno collaborato con l’Ateneo per definire il programma di studi. I partner sosterranno le attività didattiche anche con interventi seminariali, ospitando visite tecniche, proponendo tesi in azienda, offrendo stage ai laureati e mettendo a disposizione borse di studio. I partner attualmente attivi sono Alstom Italia, Ansaldo STS, ATM, Brebemi, Brescia Mobilità, EvoBUS Italia, Gruppo FS Italiane, Hitachi Rail, Italscania, Lucchini RS, Mermec Group, Metra, Trenord. L’Advisory Board del Corso di Studi sarà composto da rappresentanti degli enti e delle industrie coinvolte nel progetto, costituendo così un importante momento di confronto.