Un innovativo scarico per motocicli realizzato tramite deposizione diretta laser (Laser Metal Deposition – LMD) a MeccPolimi: è questo il primo dimostratore del progetto MADE4LO - Metal Additive for Lombardy, il progetto regionale del valore di più di 6 milioni di euro, che vede coinvolti sette partner aziendali e due università lombarde.
I ricercatori del Dipartimento di Meccanica, in collaborazione con Lafranconi, CNR STIIMA e Team3D e coordinati dalla prof.ssa Barbara Previtali, hanno realizzato lo scarico innovativo attraverso il sistema di stampa 3D Additube di BLM Group.

Il pezzo finale, in acciaio inossidabile, misura 450 mm ed è composto da tre strutture tubolari che si fondono in una singola. Con la tecnica LMD è stato infatti possibile realizzare il componente come unico pezzo, mentre la fabbricazione convenzionale richiede ancora oggi complesse attrezzature di formatura e maschere di saldatura nonché procedure ancora in parte manuali. Il nuovo componente, prodotto in sole 12 ore, dimostra così le elevate potenzialità e capacità della tecnologia LMD.

Obiettivo della ricerca, all’interno del progetto MADE4LO, è la riduzione del time to market nella realizzazione di piccole serie e prototipi funzionali senza attrezzature specifiche, pur permettendo l’esecuzione di prove su banco. La sfida per il mondo additive si gioca sulle dimensioni e sulla complessità geometrica di un oggetto come questo, tridimensionale e senza un unico asse di crescita.
Per produrre tale geometria, il sistema Additube utilizza i movimenti combinati di un robot antropomorfo e di una tavola roto-basculante, permettendo la creazione di oggetti con sviluppo freeform,  caratterizzati dall’assenza di strutture di supporto.
Anche l’apporto del design for additive manufacturing e la programmazione delle traiettorie di deposizione rappresentano un elemento cruciale nella riuscita di questo tipo di produzione.