Contatti
Telefono: 02.2399.8557
Cellulare: 348.9221131
Fax: 02.2399.8585
E-mail: paolo.albertelli(at)polimi.it

Segreteria della Sezione di Tecnologie Meccaniche e Produzione
Marcella Netti
Telefono: 02.2399.8530
Fax: 02.2399.8585
E-mail: marcella.netti(at)polimi.it

Pagina personale del docente sul sito di Ateneo

Paolo Albertelli è un ricercatore a tempo indeterminato presso il dipartimento di Meccanica (settore scientifico disciplinare ING-IND/16) del Politecnico di Milano dal 2011.
La sua attività di ricerca è orientata allo sviluppo di soluzione avanzate in ambito manufacturing e si occupa della sostenibilità ambientale dei processi tecnologici.
Nello specifico, si occupa del comportamento dinamico di macchine utensili e della loro stabilità. Sviluppa modelli per lo studio di fenomeni vibratori come il chatter regenerativo e per la previsione delle performance delle macchine. Si occupa del monitoraggio delle vibrazioni e della loro soppressione sfruttando approcci attivi e passivi. Sta lavorando in ambito manutenzione predittiva e prognostica nel settore delle macchine utensili, delle macchine automatiche e dei relativi sottosistemi.
Un altro filone della sua attività di ricerca riguarda il consumo energetico delle macchine utensili (analisi, caratterizzazione sperimentale, sviluppo modelli e riduzione consumi) e dei relativi ausiliari. Si sta occupando dello sviluppo e dello studio delle lavorazioni criogeniche soprattutto in riferimento a leghe di difficile lavorabilità o in altri processi tecnologici.
Lo sviluppo di modelli ad elementi finiti (FEM), di approcci analitici, di procedure sperimentali e di tecniche di analisi sono alcune delle metodologie utilizzate nell’ambito delle sue ricerche.
È autore di più di 40 pubblicazioni scientifiche su riviste ed in conferenze internazionali. Ha inoltre all’attivo un brevetto (ORCID ID: 0000-0001-5098-0420, SCOPUS ID: 41761164300, Google Scholar).
Svolge la sua attività di ricerca anche nell’ambito di progetti finanziati.
La sua ricerca è caratterizzata da collaborazioni internazionali (inquadrate in progetti europei o sviluppate come iniziative personali (i.e. Loughborough University (UK), The University of British Columbia (Canada) and the Budapest University (Hungary)) e da collaborazioni nazionali (i.e. Università di Udine e STIIMA CNR).
Collabora sistematicamente con aziende del settore manifatturiero.